Al chiar di luna…

L’otto luglio. La Luna ci attendeva e come sempre ci ha regalato giochi di luce e prospettive da immortalare. Ma se non avevate la macchina fotografica a portata di mano potete rivedervi questo breve filmato. 

GUARDA IL VIDEO.

 

Scarpe diem a tutti

 

Solstizio di San Giovanni

La passeggiata ha avuto luogo nella tarda serata del 23 di giugno, in attesa dell’arrivo del giorno 24. Il percorso che si snoda lungo il tratto di Francigena, fra le soste sigericiane XII e XIII (San Quirico e Torrenieri) ha i suoi punti di interesse soprattutto intorno ai due torrenti Asso e Tuoma, che sono due attraversamenti sulla via stessa. Sono state studiate le erbe, si è parlato delle vecchie tradizioni della festa e mimata qualche divinazione propiziatoria per il nuovo semestre che sta arrivando.

Un progetto originale di valorizzazione storico-culturale del luogo è stata illustrata in una relazione del Prof. Raffaele Giannetti, basata sulla “cultura del ponte”. Torrenieri non è solo un luogo della Francigena, ma anche un luogo speciale in quanto ha un ponte. E il ponte ha, in generale, per la sua natura di rito di passaggio, una storia bellissima e antichissima.
Ciò può dar luogo a una nuova ricerca intorno ai motivi della viabilità connessa ai ponti lungo la storia e permetterà di recuperare antiche immaginazioni di quella che abbiamo chiamato “cultura del ponte”. A questa straordinaria parte dell’immaginario si lega anche la festa del solstizio estivo, la grande festa legata all’attraversamento rituale del ponte, cioè la ricorrenza di San Giovanni Battista. In questa occasione abbiamo riscoperto anche la ricerca delle erbe magiche che si dispone proprio sopra al superamento del fiume che è metafora della nostra vita. GUARDA IL VIDEO.

 

Ombre in cammino

Mercoledì 21/6 abbiamo festeggiato il solstizio d’estate con una camminata lungo la Francigena, fino ad arrivare al Podere Gambocci, dove il gruppo del Laboratorio Teatrale ha eseguito una breve rappresentazione. 
A seguire un brindisi di benvenuto all’Estate! Offerto da Scarpe diem.
Scarpe diem a tutti

 

 

Torrenieri incontra l’autore Paolo Ciampi


Giovedì 15 giugno a Torrenieri c’è stato l’incontro con l’autore Paolo Ciampi.

Organizzata dall’Associazione Culturale Scarpe Diem di Torrenieri, il 15 giugno alle ore 17,30, presso la Sala della Associazione Polisportiva Torrenieri, per l’iniziativa culturale “Incontro con l’Autore”, ha presentato la sua ultima opera il giornalista e scrittore Paolo Ciampi, che altre volte ha presentato i suoi libri di viaggio nelle iniziative di Scarpe Diem, a Torrenieri.: ricordiamo “L’Olanda è un fiore” e “La Strada delle Legioni”.

Questa volta Paolo Ciampi ha presentato il suo libro “Tre uomini a piedi” nel quale riferisce di una camminata che insieme a due suoi vecchi compagni di scuola che hanno compiuto percorrendo la “Strada degli Dei”, percorso che da Bologna porta a Firenze, passando per la Futa.

Nell’occasione l’autore ha parlato anche di un’altra sua opera “Per le Foreste Sacre” nella quale racconta del cammino di un pellegrino sui generis che nel Buddismo ha scoperto le radici di un’altra spirtitualità che, comunque, non gli impedisce di sentire il richiamo dei Santi e dei luoghi cristiani.

Paolo Ciampi a pieno titolo può considerarsi un amico di Scarpe Diem e di Torrenieri: nella recente presentazione dei “Tre uomini a piedi” fatta nel recente Salone del Libro di Firenze, di fronte ai presenti attenti ha riferito della scoperta di questa Associazione culturale alla quale si sente legato ed alla comunità di Torrenieri.

Oltre che un prolifico scrittore, Paolo Ciampi,  è anche un attento giornalista, che ha collaborato con “Il Giornale” di Indro Montanelli, con “La Città”, con “Il Tirreno”, “Il Manifesto”, “Il Secolo XIX”, “Stadio Corriere dello Sport”.
E’ stato Presidente dell Stampa Toscana ed attualmente è Responsabile dell’Ufficio stampa della Regione Toscane e dirige “Toscana Notizie”.

“Salve Amici, ci sono momenti nella vita che succedono e non ti aspetti, momenti che ti riempiono di gioia, nonostante gli occhi pieni di lacrime, lacrime che annebbiano la vista e fanno tremare la voce e non riesci a leggere. Ma quando ci riesci,capisci che il cammino intrapreso era possibile. Condivido con voi le parole di Paolo Ciampi, l’AMICO Paolo, al quale va il mio più sentito GRAZIE. A tutti voi, Soci, simpatizzanti, Amici, un abbraccio virtuale, ma vero, perché senza di voi non ci sarebbe stato cammino.
Scarpe diem a tutti”